Questa politica fa schifo, ammirano la Diga piena d’acqua mentre il Tammaro muore.

Tutti tacciono, interviene solo la Presidente provinciale del PD per proporre un accordo con Mastella.

Comunicato stampa del 21 giugno 2022

Sabato e domenica scorsa varie autorità della provincia di Benevento si sono ritrovate sulla diga di Campolattaro per una manifestazione sportiva (nella foto la conferenza stampa di presentazione) e per fare i soliti discorsi sullo sviluppo che questa volta hanno riguardato la possibilità di gestire 500 milioni di euro per l’utilizzo dell’acqua.

Naturalmente non si sono neppure avvicinate al fiume Tammaro che è in secca perché dalla diga vengono ceduti solo 0,66 metri cubi di acqua/secondo assolutamente insufficienti per tenere in vita l’ecosistema fluviale

Infatti, nel 2017 il presidente della Provincia, Claudio Ricci ordinò di fornire al fiume 2,14 metri cubi/sec, cioè più di tre volte quella attuale che di certo non si può in alcun modo considerare “Deflusso minimo vitale”, tant’è che i pesci sono morti e i contadini non possono irrigare con i reflui fognari.

In Italia tutti denunciano la siccità e lo stato disastroso dei fiumi perché non c’è acqua nelle sorgenti e a Milano è intervenuto pure l’arcivescovo per invitare i fedeli a pregare per la pioggia. Invece il nostro Tammaro sta morendo perché la Provincia e la società Asea che gestisce la Diga, trattengono milioni di metri cibi d’acqua per tentare il collaudo finora impossibile.

E’ una decisione vergognosa: si parla di sviluppo mentre si crea un evidente e grave danno ambientale.

Abbiamo più volte sollecitato l’intervento delle Autorità competenti, degli Enti e dei partiti che invece tacciono, anche quelli che finora si sono accreditati come oppositori di Mastella e del suo sistema di potere nel Sannio, PD in testa.

Proprio il silenzio dei dirigenti e dei consiglieri di quel partito al Comune di Benevento e alla Provincia sul disastro ambientale che riguarda anche la città capoluogo, rende ancora più inquietante il pensiero di Antonella Pepe, presidente provinciale del partito, espresso in una recente intervista.

La giovane dirigente non dice nulla del disastro ambientale ma si dilunga a spiegare la sua illuminante proposta politica: fare un accordo con Mastella per contrastare le destre.

Considerato che le “destre” nel Sannio sono poca cosa, sembra che Pepe A. pensi ad intese per le prossime elezioni politiche (finora smentiti dal segretario provinciale Cacciano e da quello cittadino Zoino), ma poi precisa che un’intesa si deve raggiungere subito con il leader di “Noi di Centro” per eleggere Nino Lombardi presidente della Provincia e dialogare con Mastella per gestire importanti progetti.

In buona sostanza la presidente provinciale del PD ripropone lo schema già utilizzato per le regionali, cioè un accordo con i mastelliani, confermato anche per la nomina nel distretto Calore Irpino dell’Ente Idrico di due sindaci PD, Molinara ed Apice (il padre di Antonella Pepe).

Ma allora, perché il Partito Democratico ha cacciato De Pierro, Del Vecchio e Lepore, di “Essere democratici” che hanno per primi teorizzato e realizzato accordi con Mastella?  

Adesso al Comune di Benevento i consiglieri eletti nella lista PD lasceranno Perifano e “Alternativa per Benevento” e costituiranno il gruppo “Noi affascinati dal Viandante” ?

Che schifo questa politica che non affronta problemi concreti, non tiene conto del voto degli elettori ed esalta intrighi e giochi perversi per la spartizione del potere.

     Gabriele Corona,  movimento politico “Altra Benevento è possibile”

1 commento su “Questa politica fa schifo, ammirano la Diga piena d’acqua mentre il Tammaro muore.”

  1. Il problema da noi nel meridione è che per molti darsi alla “politica” significa sbarcare il lunario. Non c’entrano le idee, i progetti, la visione per un futuro migliore, ma tirare a campare, resistendo da un’,elezione all’altra. Gli emolumenti, i gettoni di presenza, gli incarichi e le consulenze fasulle fanno comodo a tutti. Se tornassero alle loro attività morirebbero di fame. Al massimo farebbero i posteggiatori. Oggi l’Italia rappresenta il fallimento della Democrazia.

    Rispondi

Lascia un commento

Sede
Via G. Vitelli 90
82100 Benevento